patentino posa serramenti
blog - La finestra toscana

blog - La finestra toscana

Ecobonus 2020: è obbligatorio scegliere posatori qualificati

Ecobonus 2020: la novità straordinaria è appena arrivata: per ottenere i benefici della maxidetrazione, è obbligatorio scegliere posatori qualificati. Questo significa che devi porre particolare attenzione ai professionisti a cui deciderai di affidare i lavori per la tua casa. Ecco come fare, dunque, per ottenere la detrazione.

 

In merito all’Ecobonus 2020, l’articolo 7 del Decreto legislativo n. 48 che recepisce la direttiva UE n. 844 introduce una novità fondamentale: l’obbligo di scegliere posatori qualificati, se si intende ottenere la detrazione prevista dall’ecobonus infissi 2020.

In particolare, l’articolo 7 del Decreto legislativo n. 48 riporta testualmente: “gli incentivi […] sono concessi a condizione che i  predetti  sistemi  siano installati da un operatore in possesso dei requisiti prescritti”.

In vista dalla data del 1°luglio (a partire dalla quale le spese di ristrutturazione sostenute potranno essere portate in detrazione), è quindi il momento di fare un po’ di chiarezza sui concetti di posa certificata e posatore certificato.

Innanzitutto, è bene specificare che la posa in opera certificata non esiste. Esiste, invece, la certificazione delle competenze del posatore che svolge il lavoro di posa in opera.

I corsi con cui si conseguono tali certificazioni sono ricorrenti e sono fondamentali, per un professionista del settore, per mantenersi aggiornato e per poter intervenire anche nella fase della progettazione.

Ma prima di affrontare il discorso sul tipo di certificazione più adatta, scendiamo più in profondità in quello che predispone il Decreto.

Bonus infissi 2020: l’obbligo di qualifica

Secondo l’articolo 7, il Presidente della Repubblica deve fissare i requisiti degli operatori che  provvedono all’installazione degli elementi edilizi e dei sistemi tecnici per l’edilizia.

In questa stesura, sarà fondamentale garantire che le competenze dei posatori siano adeguate. In questo, dunque, il livello di formazione professionale consolidato con corsi specialistici e certificazioni gioca un ruolo importantissimo.

Una volta entrato in vigore il decreto del Presidente della Repubblica e trascorsi 180 giorni, incentivi come l’Ecobonus 2020 verranno concessi solo se gli installatori  scelti avranno conseguito le adeguate qualifiche.

Per il momento, però, c’è ancora da attendere, perché lo stesso articolo 7 non specifica la data in cui sarà fissato il decreto presidenziale e quindi quando si potrà operare una scelta davvero oculata per ottenere il massimo dalle detrazioni previste.

Intanto, se si punta al bonus ristrutturazione casa 2020, è bene cominciare a guardarsi intorno per rivolgersi ai professionisti giusti che possono assicurare – con la loro prestazione – l’accesso ai benefici fiscali protagonisti di questo 2020.

D’altra parte, il testo del decreto legislativo è davvero molto chiaro su questo punto.

Decreto legislativo n. 48 sulla qualifica degli installatori: le disposizioni per l’Ecobonus 2020

Se vuoi approfondire il decreto legislativo che determina gli accessi all’Ecobonus 2020, ti riporto qui i testi, in modo da fare il massimo della chiarezza proprio a partire dai testi originali.

Modifiche all’articolo 4-ter del decreto legislativo n. 192 del 2005: strumenti finanziari e superamento delle barriere di mercato

1. All’articolo 4-ter del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) dopo il comma 1, sono aggiunti i seguenti:
«1-bis. Gli incentivi di cui al comma 1, qualora siano volti a migliorare l’efficienza energetica in occasione della ristrutturazione degli edifici, sono commisurati ai risparmi energetici perseguiti o conseguiti. Gli strumenti di incentivazione favoriscono inoltre la sinergia tra i fondi nazionali e i fondi strutturali europei. Il monitoraggio dei risparmi energetici perseguiti o conseguiti, è effettuato dalla medesima autorità che concede l’incentivo, tenendo conto di almeno uno dei seguenti criteri:
1) la prestazione energetica dell’apparecchiatura o del materiale utilizzato per la ristrutturazione;
2) i valori standard per il calcolo dei risparmi energetici negli edifici;
3) il confronto degli attestati di prestazione energetica rilasciati prima e dopo la ristrutturazione;
4) una diagnosi energetica;
5) un altro metodo pertinente, trasparente e proporzionato che indichi il miglioramento della prestazione energetica.

1-ter. Con decreto del Presidente della Repubblica, ai sensi dell’articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, acquisita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono stabiliti i requisiti degli operatori che provvedono all’installazione degli elementi edilizi e dei sistemi tecnici per l’edilizia, tenendo conto della necessità di garantire l’adeguata competenza degli operatori che provvedono all’installazione degli elementi edilizi e dei sistemi tecnici per l’edilizia, considerando tra l’altro il livello di formazione professionale, conseguito anche attraverso corsi specialistici e certificazioni. Decorsi centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del predetto decreto, gli incentivi di cui al comma 1 sono concessi a condizione che i predetti sistemi siano installati da un operatore in possesso dei requisiti prescritti.».

Ecobonus 2020 infissi: quale qualifica per i posatori?

Per concludere, torniamo alle qualifiche che devono avere i posatori scelti per ottenere i benefici della detrazione.

Pochi giorni fa abbiamo conseguito la qualifica EQF4: un traguardo importantissimo per noi, anche e soprattutto in vista dei decreti che sono in via di attuazione.

Ma cos’è il livello di certificazione EQF4 ?
É il più alto livello ottenibile in ambito serramentistico secondo la norma UNI 11673.

Questa qualifica ci consente di prendere parte alla fase progettuale dell’installazione dei serramenti, eseguirla e soprattutto evitare che insorgano problemi quali muffa, condensa, infiltrazioni d’aria e d’acqua.

Con questa qualifica, che abbiamo ottenuto con un punteggio di 96/100, abbiamo ratificato anche l’importanza di lavorare secondo un metodo preciso che pianifichi e preveda ogni singola fase del lavoro. Il nostro Sistema Unico La Finestra Toscana è nato proprio per questo motivo e per scardinare il vecchio modo del ‘si è sempre fatto così’.

L’esame per ottenere l’abilitazione di posatore caposquadra EQF4 dura una giornata intera e le prove da superare sono:
– un test scritto
– un progetto esecutivo dei nodi di posa di serramenti
– una prova orale

Proprio in vista delle specifiche richieste per accedere all’Ecobonus 2020, questa norma UNI definisce finalmente incarichi e competenze in cantiere.

Per te significa sicurezza e punti di riferimento certi durante e dopo i lavori.

Come fare per affidarti a un consulente preparato e metodico?

Richiedimi una consulenza qui. Lavoriamo in Val d’Elsa e in tutta la Toscana.

Condividi questo post sui social:

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email